Poppi

Poppi è Toscana “ Pupium agri Clusentini caput” , sta scritto nell’affresco di Vasari in Palazzo Vecchio a Firenze.

E’ una Toscana diversa: il Casentino, terra di Castelli e pievi romaniche, di luoghi danteschi e terrecotte robbiane, dove ancora più forte  è l’impronta del medioevo.

Se di là nella Toscana del giglio, c’è un eleganza fiorentina, geometrica, armonica, rinascimentale, da questa parte, dove l’Arno si apre la strada in mezzo ai monti dell’Appennino, verso i confini di Romagna, tutto è più fosco, più feudale, più boscoso e più mistico.

Sono due  diverse concezioni, due stati d’animo. L’abbondanza d’acqua e di boschi ha reso questi luoghi prediletti da mistici ed eremiti e fonte d’ispirazione per poeti, anche piuttosto inquieti come Dino Campana.

Poi ci si è messa Emma Perodi nell’ottocento, con le sue Novelle, a fantasticare su questo Casentino medievale, di dame e castelli, di passaggi segreti, di streghe e prodigi.

Due Passi, allora, per il borgo di Poppi e la sensazione che si prova è quella di un forte residuo di quei tempi, di qualcosa che si  incarnato nelle sue pietre, nel suo castello che troneggia ovunque, nello stupendo gioiello del suo centro storico ornato di portici.

Firenze
Firenze

Poppi è indubbiamente perla e simbolo del Casentino, inserito anche tra i borghi più belli d’Italia.

Posto al centro del Casentino, una valle tra le più belle della Toscana.
Il borgo medievale è una rara città murata alla cui sommità signoreggia il Castello dei Conti Guidi, opera della celebre famiglia di architetti Di Cambio e "prototipo" di Palazzo Vecchio in Firenze. Questo edificio risale al XIII secolo ed è uno dei monumenti più visitati dell’intera provincia di Arezzo. La biblioteca Rilliana che conserva 25.000 volumi antichi tra manoscritti ed incunaboli, il salone delle feste, la salita fino alla cima della torre e la cappella dei Conti.

Il territorio di Poppi è situato all’interno di un area protetta d’interesse primario, il Parco delle Foreste Casentinesi, istituito nel 1993 è ricco di bellezze naturalistiche. Grande e storica riserva di legname per i Granduchi di Toscana, i boschi del Casentino custodiscono, immersi nella pace e nel silenzio due dei maggiori centri di spiritualità del mondo: l’Eremo di Camaldoli, fondato da S. Romualdo nel 1012, e la Verna, il Santuario fondato da San Francesco (che qui, nella chiesa di S. Maria degli Angeli, vi ricevette le stimmate) celebre anche per le quattrocentesche terrecotte dei della Robbia.

Ogni anno, in agosto, si tiene a Poppi il “Gusto dei Guidi”, un’interessante e “gustosa” manifestazione dedicata al vino toscano ed ai prodotti alimentari tipici casentinesi. Visitare Poppi in questa occasione significa poter accedere ad ambienti affascinanti di antichi palazzi.

TUOR VIRTUALE DEL CASTELLO DI POPPI

http://www.casentino.it/casentino/it/casentino-wow.html#/castello-poppi/

VISITA LA SEZIONE DEL SITO DEDICATA A POPPI

http://www.casentino.it/casentino/it/visita/la-valle/poppi.html

 

INFORMAZIONI

 TORNA ALL' ELENCO ARTICOLI

IL CASENTINO TI ASPETTA

Scoprilo, Assaporalo e Vivilo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale.