CHIESA DI SAN LORENZO

Il complesso architettonico è formato dalla chiesa, edificata nella seconda metà del quattrocento su un precedente oratorio e da un chiostro seicentesco sul quale si aprono le ampie e numerose stanze del convento che ospitava i Frati Minori Francescani.

La chiesa, ampiamente restaurata dopo il terremoto del 1919, presenta un impianto a tre navate, spartite da arcate a tutto sesto e un bel soffitto a capriate lignee.

Gli altari laterali ospitano due notevoli terrecotte invetriate di Andrea della Robbia, recanti le effigi del Cardinal Dovizi e del Papa Leone X e raffiguranti una la Natività e l’altra la deposizione del Cristo.  Il Chiostro del convento, costruito nella prima metà del XVII secolo, ha forme snelle con agili colonne  e si sviluppa su due piani, gli affreschi originali delle arcate sono stati coperti da raffigurazioni databili attorno agli anni ‘40.

Chiostro

Il chiostro fu costruito al tempo dei guardiani Padre Bernardino Stecci di Bibbiena, padre Michele da Bibbiena e padre Giovan Francesco da Terrossola negli anni tra il 1619 e il 1640. Le pitture primitive ora nella maggior parte scomparse furono fatte eseguire dai signori Martellini; di esse ne rimane solamente una che raffigura S. Francesco che dona il suo mantello al Conte Alberto di Montauto. Nell'anno 1955, dopo un restauro delle strutture murarie, furono affrescate di nuovo tutte le pareti dal pittore bibbienese Ruggero Biggeri. Le scene raffigurano episodi della vita di San Francesco di Assisi. Da una parte del chiostro, invece che al centro, si conserva la caratteristica cisterna che serviva a raccogliere le acque dei tetti.

 

 TORNA ALL' ELENCO ARTICOLI

IL CASENTINO TI ASPETTA

Scoprilo, Assaporalo e Vivilo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale.