IL SACRO MONASTERO E L’EREMO DI CAMALDOLI

Camaldoli, fondata mille anni fa da san Romualdo, è una comunità di monaci benedettini. Le sue due case, il sacro Eremo e il Monastero, immerse nella pace della foresta, rappresentano due dimensioni fondamentali dell’esperienza monastica, la solitudine e la comunione.

La comunità monastica vive nella ricerca di Dio, nella preghiera e nel lavoro, e si apre alla condivisione con gli uomini e le donne del nostro tempo soprattutto attraverso l’ospitalità.

La Foresteria offre uno spazio aperto a tutti, di approfondimento spirituale e culturale, di dialogo e di incontro.

Camaldoli, è uno dei centri spirituali più noti della Toscana e non solo, visto che da qui è partita l’onda riformatrice di San Romualdo. Con il nome di Camaldoli si identificano  due parti ben distinte; il Monastero in Località Fontebona e a circa quattro chilometri, il sacro Eremo. Romualdo, arrivato alla fine della sua vita, dopo aver riformato la regola benedettina, verso il 1023 prese a percorrere la via Flaminia parva, cioè piccola che attraversava l’Appenino. Nella sua peregrinazione giunto alla radura del campo Amabile, fondò l’Eremo, mentre a Fontebona riorganizzò l’esistente posta di viaggio ad ospizio per pellegrini. L’innovazione portata da San Romualdo stava nell’introduzione dell’esperienza eremitica di origine orientale sul tronco del monachesimo benedettino, creando, con l’Eremo, una sintesi tra il modo di vivere cenobitico e quello anacoretico. L’attività dei monaci, qui, è sempre stata legata a due aspetti fondamentali: la dimensione contemplativa e quella attiva, ossia attività culturale e lavoro manuale. Per questo ultimo aspetto la cura della foresta è stata da sempre una prerogativa dei monaci. Le costituzioni del monastero, imponevano di creare foreste ed accrescere quelle esistenti. Ogni anno venivano collocate a dimora almeno tremila piantine e nel 1857 e 1859 vennero piantate quarantamila abetine.

 

STORIA

CULTURA E ATTIVITA’

MAGGIORI INFORMAZIONI

 TORNA ALL' ELENCO ARTICOLI

IL CASENTINO TI ASPETTA

Scoprilo, Assaporalo e Vivilo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale.