Poppi

Poppi è un borgo da sogno, uno tra i più belli in Italia. Il suo castello, il porticato fino alla Badia di San Fedele, le sue mura che nascondono segreti, storie e leggende, è una perla architettonica da visitare in ogni momento dell’anno. In primavera e in estate, tuttavia, i suoi vicoli, si popolano di odori, di fiori, di giochi di luce, voci, canti di uccelli che sorvolano impazziti i merli del castello. Il tutto coopera a fare di questo posto un luogo di scoperta e riscoperta di sé. A pochi chilometri si trovano località altrettanto interessanti come Badia Prataglia, il paese più popoloso del Parco Nazionale delle Foreste casentinesi, luogo di partenza di un reticolo consistente di escursioni e amena località turistica; Moggiona il paese dei bigonai – i costruttori di botti per il vino - e del lupo e Camaldoli con il suo Eremo, luoghi di spiritualità universale e scrigni di opere d’arte uniche al mondo. 

Pupium agri Clusentini caput, aveva scritto il Vasari  sotto il suo affresco della città in Palazzo Vecchio a Firenze.

Poppi è stata la più importante roccaforte del Casentino medievale, dominandolo da un’altura che si innalza a metà della vallata sulla sponda destra dell’Arno. Sovrasta in maniera baldanzosa tutta la pianura verso Romena e verso Bibbiena, sfidando tutti. Nei giorni in cui la nebbia avvolge le colline col suo bianco manto, i merli della torre dell’antico maniero dei Guidi svettano nella luce, ricordandoci - se ancora ce ne fosse bisogno - che a comandare è lui. La cosa straordinaria è che questo altezzoso comandante, rimane visibile da ogni parte della valle, occupando il panorama come un simbolo di regale bellezza. Non è un caso che Poppi sia stato inserito tra dei borghi più belli d’Italia.

 

CENTRO STORICO

COSA VEDERE

LUOGHI DI FEDE

INFORMAZIONI

ECOMUSEO

 

 TORNA ALL' ELENCO ARTICOLI

IL CASENTINO TI ASPETTA

Scoprilo, Assaporalo e Vivilo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale.