Chitignano

Chitignano è il paese della memoria e dell’acqua. Culla verde del silenzio, racconta la storia di una lontana lotta per la sopravvivenza dalla lavorazione del sigaro al contrabbando. L’Ecomuseo del paese è un viaggio all’interno della comunità, alla riscoperta di antiche tradizioni e della voglia di guardare avanti. Affascinante l’antico castello degli Ubertini, che dà il benvenuto ad ogni turista e forse lo controlla nel suo passaggio verso il centro. Chitignano è famosa anche per le sue acque un tempo ritenute magiche e salutari, ancora oggi motivo di pellegrinaggio continuo.

Chitignano si raggiunge da Rassina per una deviazione ben visibile. Giunti prima dell’abitato l’attenzione è rapita dall’affascinate struttura del castello degli Ubertini, romanticamente circondato da cipressi e accanto la vecchia sede podestarile. Questa località è famosa per le sorgenti d’acqua minerale di natura ferruginosa-sulfurea che hanno spiccate e riconosciute proprietà curative. Note fina dall’antichità, furono valorizzate da Pier Francesco Ubertini conte di Chitignano che, nel 1638, le descrisse in una relazione pubblicata a Firenze. Le acque hanno una composizione chimica complessa e mostrano una spiccata efficacia nel riattivare le funzioni digestive, nelle malattie femminili e nel guarire malattie della pelle.

 

CENTRO STORICO

INFORMAZIONI

ECOMUSEO

 TORNA ALL' ELENCO ARTICOLI

IL CASENTINO TI ASPETTA

Scoprilo, Assaporalo e Vivilo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale.