Bibbiena

Bibbiena è il centro più grande del Casentino, il più popoloso e storicamente il capoluogo della valle.  Le origini di questo comune sono molto antiche e ciò è dimostrato dalla presenza di numerosi insediamenti etruschi e di ville romane che sono state rinvenute non lontano dal centro. La sua fondazione risale al 979 d.C. 

Questo comune e in particolare la città di Bibbiena, hanno avuto un’importante storia medievale che si respira nei suoi borghi, nelle sue piccole strade silenziose, anche se le vestigia di quel periodo storico sono ormai poche, a causa dei numerosi saccheggi subiti fino alla fine del  XV secolo. L’ultima invasione armata del Casentino risale appunto al 1498 quando i Veneziani al comando di Bartolomeo d’Alviano, in alleanza con i Medici esiliati, fecero un’improvvisa incursione nella vallata, prendendo il Monastero de La Verna e impossessandosi di Bibbiena, per il tradimento del Dovizi e di altri abitanti che erano favorevoli ai Medici. Aiutato dai contadini che facevano incursioni sugli invasori, il generale fiorentino Vitello, chiuse i passi per tagliare rifornimenti al nemico, rinchiudendolo a Bibbiena, che aveva posto sotto d’assedio. Con l’arrivo dell’inverno l’Alviano resistette solo a Bibbiena e ancora per un anno. I fiorentini smantellarono così la città di Bibbiena per punirla della sua infedeltà.

Bibbiena, come si può ammirare oggi, ha un’architettura squisitamente rinascimentale con numerosi palazzi signorili. Alcuni tra i più importanti: Palazzo Martellini, Teatro Dovizi, Palazzo Niccolini.

 

CENTRO STORICO

COSA VEDERE

LUOGHI DI FEDE

INFORMAZIONI

ECOMUSEO

 

 TORNA ALL' ELENCO ARTICOLI

IL CASENTINO TI ASPETTA

Scoprilo, Assaporalo e Vivilo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale.