EVENTI ASTRONOMICI 2016

In qualsiasi periodo dell’anno il cielo notturno, soprattutto in aree a basso inquinamento luminoso, come in gran parte del territorio del Parco Nazionale, offre la possibilità di osservare splendidi campi stellari dove, cartina alla mano, poter facilmente riconoscere le principali costellazioni del periodo (la cartina è disponibile sulla pagina facebook del Planetario ad inizio di ogni mese). Ve ne suggeriamo alcuni:

• Marzo: Giove in opposizione, cioè alla minima distanza dalla Terra, particolarmente lumi- noso quindi visibile tutta la notte.
• 9 Maggio: dalle ore 12 alle ore 15, transito di Mercurio sul disco solare
• Giugno: Saturno in opposizione, cioè alla minima distanza dalla Terra, particolarmente luminoso quindi visibile tutta la notte.

• Da Agosto alla ne dell’anno: Venere, visibile al tramonto da agosto sino alla ne dell’anno, sempre più in alto e splendente nel cielo serale invernale.
• 12 Agosto: Le Perseidi o Lacrime di San Lorenzo, sciami di meteore in cui è facile poter contare sino a 100 meteore ogni ora.

• 24 Agosto: due belle congiunzioni planetarie, cioè l’apparente avvicinarsi sulla volta celeste di due luminosi pianeti, in entrambi i casi al tramonto, a sud ovest nella costellazione dello Scor- pione. Alle 20 circa, tra i pianeti Marte e Saturno - alle 18 circa, tra i pianeti Venere e Saturno. • 16 Settembre dalle ore 18 alle ore 22: eclisse parziale di Luna di penombra.

• 13 Dicembre: Le Geminidi, in cui è facile poter contare sino a 100 meteore ogni ora.


MOSTRE PERMANENTI

ROCCE E METEORITI: UN VIAGGIO NELLO SPAZIO E NEL TEMPO

Un percorso espositivo, realizzato in collaborazione con il Museo delle Scienze Planetarie di Prato condurrà, attraverso le rocce dallo spazio alla Terra, permettendo di effettuare raf- fronti tra le differenti tipologie di rocce esistenti. Sono presenti campioni di meteoriti come le condriti, per le rocce da impatto campioni provenienti da alcuni crateri europei mentre, per le “rocce terrestri” campioni provenienti per lo più dall’Appennino.

ANTICHI STRUMENTI ASTRONOMICI

Esposizione di materiali scienti ci di interesse storico per la didattica dell’astronomia, donati da alcuni istituti scolastici del territorio: sfere armillari, planetari, globi celesti, planisferi...

LA MERIDIANA A CAMERA OSCURA

Sarà realizzata nell’ambito del progetto “Alternanza Scuola-Lavoro” con l’Ist. Statale Supe- riore G.Galilei di Poppi (AR), è un orologio solare, costituito da una unica linea oraria, quella delle ore 12 del Tempo Vero Locale; il raggio di luce solare, che entra da un piccolo foro realizzato su parete, colpisce la linea nell’attimo del transito del Sole sul meridiano locale.


PERCORSI DIDATTICI

planetario scuola

Ormai da alcuni anni è attivo anche il progetto IN TRENO AL PLANETARIO, che dà la possibilità di raggiungere il paese di Stia con il treno: “IN TRENO PER CONOSCERE, da Arezzo a Stia guardando fuori dal nestrino, no a scrutare il cielo”. Un progetto di educazione ambientale e mobilità sostenibile che utilizza il servizio di linea del treno che collega Arezzo al Casentino.

Tutte le proposte elencate potranno usufruire di questo servizio. 

 

SCUOLA DELL’INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA DI PRIMO GRADO I° CICLO

  • Un... due... tre... stella: un viaggio tra le stelle

Attraverso un viaggio immaginario all’interno dell’astronave e con la lettura di una lastrocca i bambini verranno avvicinati al planetario e allo straordinario mondo del sistema solare. Sotto la cupola del planetario saranno illustrate la traiettoria diurna del sole, alcune co- stellazioni facilmente individuabili nel cielo e raccontate le leggende ad esse legate. 

 

SCUOLA PRIMARIA DI PRIMO GRADO II° CICLO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 

  • Le costellazioni, figure fantastiche per conoscere il cielo

Introduzione al planetario e presentazione di alcune leggende legate a costellazioni facilmente individuabili nel cielo. Sotto la cupola si imparerà ad osservare il cielo e a riconoscere le fasi lunari, il moto apparente del sole, il nome dei pianeti e la loro posizione, le costel- lazioni. 

  •  Sulle tracce di conoscenze astronomiche di antiche civiltà

Presentazione del planetario, introduzione sulle osservazioni astro- nomiche riconducibili ai popoli del passato (anche in riferimento ad alcuni siti archeo-astronomici (epoca Neolitica,Sumeri, Babilonesi, Egizi, Cinesi, Celti, Etruschi, Indiani d’America, Incas, Atzechi, Maya e il Sasso del Regio quale antica incisione rupestre ritrovata in Ca- sentino). Sotto la cupola si imparerà ad osservare il cielo e a ricono- scere le fasi lunari, il moto apparente del sole, il nome dei pianeti e la loro posizione, le costellazioni.

  •  Il Sasso del Regio: un calendario luni - solare

Visita al planetario con escursione sulle tracce di ignoti ed antichissi- mi astronomi casentinesi per scoprire e visitare la singolare incisione rupestre denominata Sasso del Regio (Stia).

  •  La misura del tempo (solo SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO)

Presentazione del planetario. Il moto apparente della volta celeste quale conseguenza del moto di rotazione e rivoluzione della Terra. I moti apparenti e la misura del tempo (il giorno, la settimana, il mese e l’anno).

  •  Orientamento e misura del tempo

Presentazione del planetario. Il moto apparente della volta celeste quale conseguenza del moto di rotazione e rivoluzione della Terra. I moti apparenti di stelle, Sole e Luna e la misura del tempo (giorno, settimana, mese e anno). Il calendario.

  • L’astronomia da Tolomeo a Galileo Galilei

Presentazione del planetario. Astronomia tolemaica e copernicana. Keplero e i moti planetari. Galileo Galilei e l’avvento del cannocchiale.

  • Il Sasso del Regio: un calendario luni - solare

Visita al planetario con escursione sulle tracce di ignoti ed antichissi- mi astronomi casentinesi per scoprire e visitare la singolare incisione rupestre denominata Sasso del Regio (Stia).

 

SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

  • Orientamento e misura del tempo

Presentazione del planetario. Il moto apparente della volta celeste quale conseguenza del moto di rotazione e rivoluzione della Terra. I moti apparenti di stelle, Sole e Luna e la misura del tempo (giorno, settimana, mese e anno). Il calendario.

  • L’astronomia da Tolomeo a Galileo Galilei

Presentazione del planetario. Astronomia tolemaica e copernicana. Keplero e i moti planetari. Galileo Galilei e l’avvento del cannocchiale.

  • Il Sasso del Regio: un calendario luni - solare

Visita al planetario con escursione sulle tracce di ignoti ed antichissi- mi astronomi casentinesi per scoprire e visitare la singolare incisione rupestre denominata Sasso del Regio (Stia). 

 

É possibile scaricare la brochure dedicata oppure contattare Casentino Sviluppo e Turismo 0575.520511 www.casentino.net o Coop. Oros 335.6244440 • info@orostoscana.it 

 TORNA ALL' ELENCO ARTICOLI

IL CASENTINO TI ASPETTA

Scoprilo, Assaporalo e Vivilo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale.